C'è sempre un'università di mezzo. Questa volta a presentarci la ricerca in questione è la Columbia University ed ha il sapore del
cioccolato. Dimenticanze, vuoti di memoria e lapsus addio, la medicina per ringiovanire la mente starebbe nel mangiare più cacao.
Questo non significa che dobbiamo abbuffarci di snack e praline, tuttavia i benefici per la memoria dati dal cioccolato sono molti,
come ha dimostrato la pubblicazione su Nature Neuroscience. I ricercatori hanno svolto un esperimento su 37 volontari, di età compresa
fra i 50 e i 69 anni, che sono stati divisi  in due gruppi. Il primo ha bevuto ogni giorno una bevanda con un alto contenuto di cacao,
mentre il secondo gruppo ne ha consumato una piccola dose quotidiana. Questa ricerca è durata tre mesi ed il risultato è stato che
coloro che avevano assunto più cioccolato erano più predisposti a fare collegamenti mentali più velocemente e facilmente. Sarebbero
i flavonoli a consentire questo miglioramento: essi sono gli antiossidanti contenuti nei chicchi di cacao, che renderebbero la mente
più giovane, facendo tornare la memoria di una persona di 60 anni come quella di un 30enne. Quasi miracoloso. C'è da dire che i
benefici del cioccolato sono davvero molti, a partire dalla carica energetica che fornisce fino ad arrivare ad essere considerato un
alimento utile per combattere lo stress da lavoro; secondo alcuni studi infatti, sarebbe utile mangiare 40 grammi di fondente al
giorno, per due settimane, per contrastare l'ansia e ridurre i livelli dell'ormone dello stress. Che dire, un vero toccasana.
Attenti a non esagerare però! I ricercatori hanno infatti spiegato che la bevanda somministrata era studiata appositamente, ma il
segreto per il migliorare la memoria starebbe nel leggere le informazioni nutrizionali sulle confezioni, scegliendo così barrette e
tavolette dove la concentrazione di cacao è più alta. A vincere quindi sono sempre i numeri.